ARTICLE

Un articolo da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Inglese
francese
Lingue figlie cerchi
Paese (vedi sotto )
Numero di parlanti madrelingua: 370 milioni nel 2020 [ 1 ]
totale: 1.348 miliardi nel 2020 [ 2 ]
Tipologia SVO , flessivo , accusativo , stressante , stressante
Scrivere Alfabeto inglese e alfabeto latino
Classificazione per famiglia
Stato ufficiale
Lingua ufficiale 53 paesi Unione Europea del Commonwealth delle Nazioni Unite
Bandiera delle Nazioni Unite
Icona del Commonwealth
Bandiera dell'Unione Europea 
Codici lingua
ISO 639-1 en
ISO 639-2 eng
ISO 639-3 eng
IETF en
Linguasfera 52-ABA
WALS eng
Glottolog stan1293
Campione
Articolo 1 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo ( vedi il testo in francese ):

Sezione 1

Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in uno spirito di fraternità .
Carta geografica
Distribuzione dell'inglese nel mondo.
Distribuzione dell'inglese nel mondo.
  • Regioni in cui l'inglese o il creolo inglese sono lingue maggioritarie
  • Regioni in cui l'inglese è una lingua ufficiale, ma non la lingua maggioritaria

L'inglese ( inglese  ; pronunciato: / ˈ ɪ ŋ . ɡ l ɪ ʃ / ) è una lingua germanica indoeuropea originaria dell'Inghilterra che affonda le sue radici nelle lingue del nord Europa (patria degli Angli , Sassoni e Frisoni ) il cui vocabolario fu arricchito e la sintassi e la grammatica modificate dal francese anglo -normanno [ Nota 1 ] , portata dalNormanni , poi dai Francesi con i Plantagenêts . La lingua inglese è quindi composta per circa il 29% da parole di origine normanna e francese [ 3 ] , [ 4 ] e più di due terzi del suo vocabolario deriva dal francese o dal latino [ 5 ] . L'inglese è anche fortemente influenzato dalle lingue romanze , in particolare attraverso l'uso dell'alfabeto latino e dei numeri arabi .

Lingua ufficiale de facto del Regno Unito , dell'Irlanda e delle altre isole dell'Arcipelago Britannico ( Isola di Man , Isole del Canale ), l'inglese è la lingua madre di tutta o parte della popolazione e, a seconda dei casi, la lingua o una delle lingue ufficiali di diversi paesi, in tutto o in parte da ex colonie di insediamenti britannici , tra cui Stati Uniti , Canada ma è comunque divenuto, in parte francese, Australia e Nuova Zelanda, che è unito sotto il nome di “  mondo anglosassone  ”, anche se non esiste una definizione universale di questa espressione.

È inoltre lingua ufficiale o lingua di scambio in molti paesi dell'ex impero britannico , anche in assenza di una significativa popolazione di origine anglosassone ( Kenya , Nigeria , Hong Kong , India , Pakistan , ecc.). Molti paesi la cui lingua ufficiale è l'inglese sono uniti nel Commonwealth (sebbene per alcuni non sia l'unica lingua ufficiale). È anche una delle ventiquattro lingue ufficiali dell'Unione Europea e una delle sei lingue ufficialie le due lingue di lavoro — con il francesedell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU).

L'inglese è la lingua più parlata al mondo  ; come lingua madre, è al terzo posto, dopo il cinese (mandarino) e lo spagnolo .

Considerata da molti la lingua internazionale predominante [ 6 ] , è la lingua insegnata più spesso come lingua straniera in tutto il mondo [ 7 ] . È anche la lingua più usata su Internet [ 8 ] .

Storia

L'inglese è una lingua germanica occidentale la cui origine si trova nei dialetti anglo-frisone portati nell'isola di Bretagna dalle tribù germaniche che vi si stabilirono, e poi fortemente influenzata, soprattutto a livello lessicale, dalle lingue colonizzate originarie della Scandinavia , Normandia ( francese anglo-normanna ) e Francia settentrionale , generalmente nel Medioevo , e successivamente dal francese moderno . Come con altre lingue, prestiti dal greco antico e dal latinohanno costantemente arricchito il lessico fino ad oggi. Le altre lingue romanze, così come i dialetti delle ex colonie britanniche, hanno influenzato l'inglese britannico in modo molto meno significativo, ma continuano ad essere utilizzate nei loro territori di origine.

Tradizionalmente distinguiamo:

  • Old English ( Old English , “  Ænglisc  ”), dal V secolo  alla metà del XII  secolo ;
  • Medio inglese , dalla metà del XII secolo all'inizio  del XVI  secolo ;
  • nascente inglese moderno ( Early Modern English ), o inglese elisabettiano, dall'inizio del XVI secolo  alla fine del XVII  secolo ;
  • Modern English ( Modern English ) , dalla fine del 17° secolo  ai giorni nostri.

Lo sviluppo dell'impero coloniale britannico dal 17° al 20° secolo portò  a un'espansione dell'inglese nei territori conquistati o amministrati in Nord America, Oceania, Africa e Asia .

Classificazione e precisione

File audio
Esempio di accento inglese
Un esempio di uomo con un accento di " pronuncia ricevuta " ( Gyles Brandreth ).

L'inglese è originariamente una lingua germanica , una famiglia all'interno della quale le lingue viventi più vicine sono le lingue frisone e lo scozzese . Tuttavia, è stato più volte influenzato da altre lingue germaniche come l' antico norvegese , varie lingue romanze , come il latino e soprattutto il francese , un'influenza latino-romanza che si può vedere non solo nelle parole che sono a priori prestiti lessicali ( déjà vu o rendez-vous ), espressioni francesi usate in inglese; embargodallo spagnolo  ; cupola , folio o stiletto dall'italiano), ma anche in moltissime parole con etimo latino (come aspettarsiexspectare o scuttlescutela ) o doppietti quasi sinonimi tra parole di origine latina o romana e parole di origine germanica (come liberty /freedom, montone/pecora , o anche calcolare, calcolare/reckon , cfr olandese rekenen , tedesco rechnen "calcolare").

File audio
Esempio di accento inglese
Un esempio di uomo con accento cockney ( Danny Baker )

File audio
Esempio di accento inglese
Un esempio di uomo con un accento di Liverpool contemporaneo ( John Bishop ).

Distribuzione geografica

Accenti

L'inglese è una lingua pluricentrica (o policentrica), che non è governata da alcuna autorità linguistica centrale (come l' Accademia di Francia in Francia), e quindi nessuna varietà è considerata "corretta" o "errata". .

Una vasta gamma di accenti coesiste nel Regno Unito e nel mondo anglofono. Alcune di queste varietà sono difficili da capire, anche per un madrelingua inglese [ 9 ] . Tuttavia, sebbene la variazione dell'accento stia diminuendo in Inghilterra, i madrelingua sono spesso molto orgogliosi del loro accento e dell'identità locale che riflette. In effetti, gli accenti possono variare in modo significativo anche tra città e contee nella stessa regione. Ad esempio, i Geordies , la gente di Newcastle upon Tyne , hanno generalmente un accento distinto da quello degli anglofoni nelle città vicine; questa variazione include l'uso di "  gan  " invece di "  go  ".) [10 ]

File audio
Esempio di accento inglese
Un esempio di un uomo con un accento (West) Yorkshire (Lord John Prescott ).

File audio
Esempio di accento inglese
Un esempio di uomo con uno dei tanti accenti scozzesi parlati in tutta la Scozia ( Alex Salmond ).

File audio
Esempio di accento inglese
Un esempio di uomo con uno dei tanti accenti irlandesi parlati in tutta l'Irlanda ( Terry Wogan ).

Lingue derivate

L'inglese ha dato i natali a:

  • a molti pidgin e creoli come Bishlamar , Tok Pisin , Sheng  ;
  • Inglese di base , una lingua artificiale creata da CK Ogden e IA Richards nel 1930 e contenente non più di 850 parole; non si è sviluppato perché, come le lingue costruite dal minimalismo, ha paralizzato l'espressione richiedendo ai parlanti di ricorrere all'infinito alle perifrasi e ha dato agli anglofoni l'impressione che la loro lingua madre fosse graffiata;
  • inglese speciale ( inglese speciale), composto da circa 2000 parole, escluse le espressioni idiomatiche e parlato a velocità ridotta (25% più lenta di una dizione normale); questa varietà di inglese è una delle lingue utilizzate dalla radio VOA ( The Voice of America ) per trasmettere i suoi programmi in tutto il mondo;
  • all'inglese semplice , una lingua di Wikipedia scritta in inglese, ma con regole di semplicità.

Stato ufficiale

Paesi in cui l'inglese è la prima lingua (ma non necessariamente ufficiale):

L'inglese è anche la lingua ufficiale di alcuni villaggi della Repubblica Dominicana , vicino al confine haitiano ( dove si parla l'inglese del XIX secolo  , discendente da ex schiavi degli stati meridionali degli Stati Uniti fuggiti dalla guerra civile ).

L'inglese è anche una delle lingue principali di Belize (insieme allo spagnolo), Canada ( inglese canadese , insieme al francese ), India (hindi e inglese oltre ad altre 21 lingue di stato compreso il francese), Irlanda (con irlandese ), Singapore (con malese, mandarino e tamil), Sud Africa (con Zulu , Xhosa , Afrikaans e North Sotho ) ed Egitto .

È la lingua non ufficiale più utilizzata in Israele e negli Emirati Arabi Uniti (lingua di comunicazione della popolazione 74% straniera). È una lingua comune nell'isola di Saint-Martin , parte della Repubblica francese e parte del Regno dei Paesi Bassi .

Secondo le fonti [ 11 ] , [ 12 ] , l'origine delle parole inglesi è così suddivisa:
latino ≈29%
Francese (prima francese anglo-normanno , poi francese ) ≈29%
germanico ≈26%
greco ≈6%
Altri ≈10%

A Hong Kong è una lingua ufficiale e ampiamente utilizzata negli affari. Appresa all'asilo, è la lingua di insegnamento in alcune scuole primarie, in molte scuole secondarie e in tutte le università. Un numero significativo di studenti acquisisce un livello di lingua inglese. Questa lingua è così ampiamente usata lì che è inappropriato dire che è solo una seconda lingua o una lingua straniera.

In Thailandia , l'inglese è usato anche per gli affari, ma dopo il cinese .

In Vietnam , il 6,5% della popolazione parla inglese in varia misura (parlanti seconda lingua, parlanti parziali) [rif. necessario] .

Alcuni paesi in cui l'inglese è una lingua ufficiale:

Trasmissione in inglese

La globalizzazione come catalizzatore per la diffusione dell'inglese

Percentuale di parlanti con l'inglese come lingua madre.

L'influenza dell'inglese è cresciuta per diversi decenni a causa della globalizzazione degli scambi commerciali e tecnologici, dominati dalle grandi potenze che parlano questa lingua , Regno Unito e Stati Uniti in particolare. Scrivendo nel 1989 , Maurice Pergnier [ 13 ] , evoca questa situazione in questi termini:

“La supremazia socio-economica degli Stati Uniti , da cui scaturisce una potente egemonia culturale, ha reso l'inglese, in pochi decenni, l'indiscussa lingua universale della comunicazione. Non ci sono quasi precedenti (…) se si esclude il caso (…) del latino , dalla fine dell'Antichità al Rinascimento . »

Il predominio dell'inglese ha sostituito quello del francese nel XX  secolo, in seguito alle due guerre mondiali da cui la Francia è uscita incruenta e al rafforzamento del peso politico ed economico degli Stati Uniti .

L'idea che l'inglese sia l'indiscussa lingua universale di comunicazione, nonché la scelta economicamente più adatta per la comunicazione internazionale, è molto contestata (vedi Grin Report ed Esperanto ) [ 14 ] .

L'inglese occupa posizioni sempre più forti nel mondo, e in particolare in Europa. Il linguista Claude Hagège ritiene che la ragione di ciò sia il notevole sviluppo, nell'Europa contemporanea, dell'economia liberale , di cui l'inglese è il mezzo. All'origine dei fondamenti liberali dell'inglese, una naturale solidarietà unisce la lingua inglese e l' ideologia del libero scambio , che ha dominato la concezione inglese delle relazioni umane e commerciali dai tempi di David Hume (1740) e Adam Smith (1776), che ha ispirato la dottrine liberali di David Ricardo (1817) e John Stuart Mill (1848) [ 15 ].

Tuttavia, essendo la demografia dei paesi anglosassoni meno dinamica di quella di alcuni paesi emergenti, la quota della popolazione mondiale che ha l'inglese come lingua madre potrebbe diminuire, scendendo dal 9% nel 2000 al 5% nel 2050 [ 16 ] , mentre secondo le proiezioni delle Nazioni Unite nel 2002, la quota della popolazione francofona potrebbe aumentare dal 3% della popolazione mondiale nel 2000 al 7% nel 2050 [ 17 ] . Nel 2060 la popolazione appartenente ai paesi in cui l'inglese ha lo status di lingua ufficiale ("lo spazio anglofono") raggiungerà i quattro miliardi di individui, i prossimi cinque principali spazi linguistici saranno il francese ( 850 milioni), hindi ( 700-800 milioni ), arabo ( 700 milioni ), spagnolo ( 600 milioni ) e portoghese ( 350 milioni ) [ 18 ] .

Claude Truchot ritiene che l'uso dei termini inglesi nel parlato, pratica che si è rafforzata negli ultimi quindici anni, assuma una dimensione ideologica , in quanto il suo obiettivo è esprimere modernità e internazionalità evitando l'uso della lingua madre [ 19 ] .

Un certo numero di multinazionali ha rifiutato l'egemonia dell'inglese, come illustra il commento di Jean-François Dehecq , amministratore delegato di Sanofi Aventis , rilasciato nel corso di un'intervista concessa al quotidiano L'Expansion () che gli aveva chiesto quale fosse la lingua usata nel suo gruppo, questi ha risposto: “Non è certo l'inglese. Una multinazionale è un'azienda in cui ognuno può parlare la propria lingua. In una riunione, è necessario il cervello delle persone. Se li costringi a parlare inglese, arrivano gli anglosassoni con il 100% delle loro capacità, le persone che parlano molto bene, con il 50%, e la maggioranza, con il 10%. Se vogliamo essere tutti anglosassoni, non dobbiamo stupirci che siano gli anglosassoni a vincere”.

Diffusione in scienza e tecnologia

L'uso delle parole inglesi è notevole in settori come l' informatica , le telecomunicazioni così come lo era (ed è tuttora, tra l'altro) l' italiano per la musica classica . Ma le nuove tecnologie ( DVD multilingua , globalizzazione di Internet) e l'adattamento delle aziende ai loro clienti ( trasmissione CNN in più lingue, Microsoft che produce software Windows in più lingue) hanno inferto un colpo relativo a questo dominio dell'inglese. L'inglese è la lingua usata nell'aviazione dal 1951 , per decisione dell'ICAO. Sempre più lavori di ricerca scientifica (tesi, studi, ecc.) sono scritti in inglese o sono tradotti in questa lingua.

In alcuni stati non anglofoni, l'inglese è diventato la lingua ufficiale in parte dell'istruzione superiore. In Svizzera , l'inglese è diventato una lingua di insegnamento per alcuni corsi specifici, principalmente nelle facoltà scientifiche e tecniche a livello di Master universitari. Tuttavia, le lingue di insegnamento rimangono in gran parte le lingue nazionali ufficiali utilizzate in Svizzera, ovvero il tedesco, il francese o l'italiano [ 20 ] .

Diffusione nelle relazioni internazionali

Nel corso del 20° secolo  , l'inglese è diventata la lingua più utilizzata negli incontri internazionali in tutto il mondo, anche se il multilinguismo rimane la norma. Mentre il francese è stato fino alla prima guerra mondiale la lingua preferita delle relazioni diplomatiche e contrattuali, la crescente importanza degli Stati anglofoni nelle relazioni internazionali ha favorito l'uso dell'inglese a scapito del francese o dell'inglese.

Estensione della base dell'altoparlante

L'inglese è la seconda lingua, ufficiale o di fatto , di moltissimi stati, compresi alcuni con un'elevata crescita demografica (come la Nigeria o l' Uganda ). È la lingua straniera più imparata al mondo, con un numero sempre crescente di studenti [ Nota 2 ] .

Alcuni ricercatori [rif. necessario] sono preoccupati per il rischio di un'evoluzione incontrollata della lingua (cambiamento del significato delle parole, semplificazioni grammaticali, modifica della pronuncia) rilevando il peso crescente del numero di parlanti che hanno poca o nessuna padronanza della lingua rispetto al numero di parlanti istruiti con l'inglese come lingua madre .

Secondo il dipartimento di ricerca educativa di Hannover , c'è un divario significativo nell'apprendimento dell'inglese come seconda lingua tra il livello che gli utenti credono di avere e la loro effettiva padronanza. Pertanto, agli studenti che avevano praticato da 8 a 10 anni è stato chiesto di stimare il loro livello di competenza: il 34% ha risposto “molto bene” , il 38% ha risposto “bene”  ; d'altra parte, a seguito di un test di valutazione, ci si è resi conto che solo l'1% degli studenti conosceva molto bene l'inglese, e solo il 4% lo padroneggiava bene [ 21 ] , [ 22 ] .

In uno studio condotto nel 2000 e pubblicato nel numero 26-27, 2002, di Läkartidningen , una rivista specializzata per medici svedesi, 111 medici generici danesi, svedesi e norvegesi hanno letto lo stesso articolo di recensione per 10 minuti. Metà lo leggono nella loro lingua madre, l'altra metà in inglese. Le domande sono state poste subito dopo la lettura. In generale, tutti i medici danesi, norvegesi e svedesi sono relativamente a loro agio con la lingua inglese grazie all'insegnamento ricevuto a scuola e anche grazie alla televisione, al cinema e alle canzoni. Inoltre, la loro lingua è imparentata con l'inglese. Leggono anche libri di studio in inglese, si abbonano a riviste mediche in inglese. Nell'ambito di questo studio, i medici avevano indicato che tutti capivano l'inglese. Il 42% di loro ha persino riferito di leggere i comunicati stampa in inglese ogni settimana. Questo studio ha rilevato che i medici che leggono il testo in inglese hanno perso il 25% delle informazioni rispetto allo stesso testo letto nella loro lingua madre.

Polemica su questa trasmissione

In un discorso pronunciato negli Stati Uniti nel 2000, Margaret Thatcher ha collegato il dominio dell'inglese al dominio politico ed economico di questo paese [ 23 ] :  "Nel 21°  secolo , la potenza dominante è l'America, la lingua dominante è l'inglese, la modello economico dominante è il capitalismo anglosassone . Si può anche notare che nel 2005 gli Stati Uniti si sono opposti energicamente all'adozione da parte dell'Unesco della Convenzione sulla diversità culturale [ 25 ] . Questo sembra rivelare il desiderio di imporre l'inglese a livello internazionale.

Alcuni studiosi denunciano questo dominio crescente [ 26 ] , che chiamano imperialismo linguistico [ Nota 3 ] , e i rischi che, secondo loro, ne possono derivare, in particolare il rischio di egemonia (l'inglese prende il posto di altre lingue) o selezione sociale (devi parlare inglese per far parte dell'élite).

È in questa prospettiva che viene assegnato in Francia il prezzo del tappeto inglese destinato a criticare le personalità francesi che hanno messo un particolare zelo nell'uso ingiustificato dell'inglese. Così nel 1999 Louis Schweitzer, l'ex amministratore delegato di Renault , ricevette questo premio per aver deciso che le comunicazioni tra i dirigenti della sua multinazionale sarebbero state esclusivamente in inglese. Comunque dentro, AFP ha informato che stava abbandonando questa strada e ha riconosciuto che l'inglese era più un handicap che un aiuto: “La lingua era un po' più difficile di quanto pensassimo. Avevamo scelto l'inglese come lingua dell'alleanza, ma questo si è rivelato un handicap con prestazioni ridotte da entrambe le parti”.

Soprattutto da quando il, il Protocollo di Londra richiede la conoscenza della lingua inglese o tedesca al fine di non violare il diritto dei brevetti [rif. necessario] , che sarebbe in contrasto con la costituzione francese che definisce il francese come lingua nazionale.

Ci sono studi, come il rapporto Grin , che cercano di quantificare questa influenza e di valutare alcune soluzioni alternative nel quadro della politica linguistica dell'Unione Europea .

Influenze indirette

L'importanza assunta dall'inglese americano riflette il potere economico e politico degli Stati Uniti, e la loro influenza nel mondo, molto più di quella del Regno Unito, culla della lingua inglese. Ad essa si accompagna più in generale un'influenza socio-culturale, che viene esercitata, oltre che dalla lingua, dall'apprendimento dei codici sociali e dal cinema [ 27 ] . Può quindi avere un impatto significativo sugli stili di vita dei paesi non anglofoni, attraverso il fenomeno dell'americanizzazione [ Nota 4 ] .

Scrittura e ortografia

L'inglese usa l' alfabeto latino (con, in precedenza, lettere come ð o þ  ; vedi Storia della lingua inglese ). Usa solo segni diacritici per scrivere parole di origine straniera; tuttavia l'umlaut è usato in alcuni testi per indicare che una seconda vocale non fa parte di un digrafo. Ad esempio, a volte troviamo cooperare , sebbene le grafie cooperare o cooperare siano più frequenti [ 28 ] .

La sua ortografia deriva da un lungo processo storico e spesso non c'è più una corrispondenza esatta tra essa e la pronuncia attuale.

A partire dal XVI secolo  diverse persone proposero di semplificare l'ortografia dell'inglese [ 29 ]  ; alcuni, tra cui Benjamin Franklin [ 30 ] e George Bernard Shaw , proposero addirittura la scrittura fonetica, ma senza successo. La parola fittizia ghoti che è pronunciata come la "fiche" francese è stata usata come esempio dell'attuale inadeguatezza ortografica.

Pronuncia

vocali

I simboli nell'elenco seguente sono quelli dell'alfabeto fonetico internazionale utilizzato per la trascrizione dell'inglese (tranne negli Stati Uniti) dalla maggior parte dei dizionari, specializzati o meno, dalla fine degli anni '70 .

Vocali corte

  • /ɪ/  : fifteen (quindici), fish (pesce), chips (patatine)
  • /ɛ/  : men (uomini), a let (andare)
  • /æ/  : man (uomo), cat (gatto)
  • /ɒ/ : caldo(caldo)
  • /ʊ/  : goods(merci), to put (mettere)
  • /ʌ/  : sun(sole),ubriaco (ubriaco)
  • /ə/ : sorella,ilcane

Vocali lunghe

  • /iː/  :mare(mare),leggere(leggere)
  • /ɑː/  : car (auto),(scuro)
  • /ɔː/  :(muro),legge(legge)
  • /uː/ : luna(luna)
  • /ɜː/  :primo (primo), bird (uccello)

Dittonghi

  • /aɪ/  :cinque (cinque), high(alto)
  • /eɪ/  : snake (serpente), name (nome), Shakespeare
  • /ɔɪ/ : oil(olio),ragazzo (ragazzo)
  • /aʊ/  : cow(mucca), a cont (contare)
  • /əʊ/ o /oʊ/  :strada(strada),vecchio(vecchio)
  • /ɛə/  : hair (capelli), b er(orso)
  • /ɪə/ : birra(birra)
  • /ʊə/ : povero(povero)

Trittonghi

  • /aɪə/  : fire (fuoco), liar (bugiardo)
  • /aʊə/ : flr (farina), flower (fiore)
  • /eɪə/  :layer(livello), payer (giocatore)

Le sequenze chiamate trittonghi sono in realtà talvolta composte da due sillabe: vale a dire un dittongo seguito da /ə/ .

Consonanti

La tabella seguente mostra il sistema consonantico dell'inglese con i simboli dell'alfabeto fonetico internazionale (IPA).

Quando una scatola contiene due suoni, quello in alto è "sordo" o "non sonoro", quello in basso è "suono" o "sonorizzato".

bilabiale labio-dentale dentale alveolare post-alveolare palatale velare glottale
occlusiva
  • /p/  : p ie(torta)
  • /b/  :to b squillare(portare)
  • /t/ :  lacrima(lacrima)
  • /d/ :  difficile(difficile)
  • /k/  : gatto ( gatto)
  • / ɡ / :vetro
nasale
  • /m/  : m altro(madre)
  • /n/  : no ( no)
  • /ŋ/ : canzone ( canzone)
battuto
fricativa
  • /f/ :  vola(vola)
  • / v / :vivere_
  • /θ/  :ba th (il bagno)
  • /ð/  : poi en(poi)
  • /s/ :  dormire(dormire)
  • /z/  :no se( naso )
  • /ʃ/ :  scarpa(scarpa)
  • /ʒ/ :  usual(usual)
  • /h / :casa
affricare
spirante
  • /ɹ/  : r un(correre)
  • /g/  : anno ( anno)
spirale laterale
  • /l/ :  lavoro(lavoro)
labio-velare
spirante
  • / w / :perlavare
  • [ʍ]  : piagnucolare ( piagnucolare)

Grammatica

Singolarità grammaticali

Secondo Jean-Pierre Cléro [ 31 ] e Sandra Laugier , alcune caratteristiche della grammatica inglese, corrispondenti a un rifiuto delle costruzioni linguistiche derivanti dalla speculazione filosofica e alla preferenza per il linguaggio ordinario, rendono questa lingua spesso difficile da tradurre. Questa intraducibilità (soprattutto in francese), che gioca un ruolo cruciale nell'universalizzazione di un linguaggio apparentemente semplice, ruota attorno ad alcuni punti principali [ 32 ]  :

  • il regime del passivo: forma privilegiata di un'azione quando il suo agente è indeterminato o, al contrario, troppo evidente Le è stato offerto un mazzo di fiori  " e che il francese traduce con l'uso di "on" modificando così i rapporti interni al frase tra attanti (l'agente e il paziente) [ 33 ]  ;
  • l'ellisse dell'agente: è diventata una caratteristica della lingua stessa la porta si apre  " dove il francese deve ricorrere al pronome "se" per segnalare la presenza di un attante, o favorito dalla svolta passiva (titolo di un giornale: Killer's macchina trovata [ 34 ]  ;
  • fare , fare , avere  : la traduzione francese di questi termini richiede costruzioni più pesanti, ad esempio per io faccio  " performativo, avere causativo aveva da bere a Mary  " , "fare" causativo con una sfumatura di costrizione ha fatto Mary apri la sua borsa  ” . Le sfumature fornite da queste possibili traduzioni del francese “faire” corrispondono anche a questioni filosofiche sui limiti del concetto di azione [ 35 ] .
  • sostanza transitoria: la derivazione dei verbi per -ing evita la sostantivazione dei verbi, che conservano il loro valore semantico come verbi ( il fare di un'azione  " ), e la derivazione degli aggettivi per -ity , -hood , -ness , e - y evita la reificazione delle qualità: l'interiorità designa ancora una qualità, a differenza dell'interiorità . La loro traduzione in francese richiede costruzioni più pesanti [ 36 ] .

Queste possibilità favorirebbero un linguaggio filosofico stilisticamente neutro e apparentemente traducibile in modo trasparente. In effetti, la necessità di utilizzare costruzioni più pesanti per la traduzione incoraggia la scrittura direttamente in inglese per evitare l'uso di un volgare tecnico indigeribile. È quindi la sua intraducibilità, e non la sua trasparenza, a favorire l'universalizzazione dell'inglese.

Coniugazione

Lessico

Numero di parole

A differenza di altre lingue, non esiste un organismo che elenchi ufficialmente le parole inglesi. Poiché, inoltre, l'attuale importanza di questo linguaggio nella ricerca scientifica fa sì che ogni giorno vengano create molte parole (alcune promesse per una larga diffusione, altre che restano per uso riservato), non esiste un elenco completo. . L' Oxford English Dictionary , uno dei più completi, elenca più di 600.000 voci, comprese parole antiquate, parole tecniche e parole dei dialetti locali. Questo numero sembra essere confermato dalla Third New International di Webster , che ha elencato 450.000 parole nel 1961. Tuttavia, le loro voci non coincidono del tutto e si stima che combinandole si arriverebbero a 750.000 parole, un totale che è maggiore di quello che si trova in altre lingue [ 37 ] .

Questa ampia base lessicale deriva in gran parte dal prestito da parte dell'inglese, dalla conquista normanna , di molte parole franco-normanne . Si stima che nel XIII secolo fossero state importate circa  10.000 di queste parole . Spesso duplicavano parole esistenti di origine anglosassone: in alcuni casi una delle due parole soppiantava l'altra, mentre in molti altri i due continuavano a coesistere, portando ad una giustapposizione di parole diverse, relative allo stesso concetto ma con significati leggermente diversi. Così, accanto a casa , un vocabolo di origine germanica (da paragonare al tedesco Haus), che significa "casa", troviamo mansion , vocabolo di origine franco-normanna che designa una "grande residenza", un "maniero" [ 38 ] , o anche libertà e libertà , due parole molto simili, la prima avente un significato generale e il secondo riferito a un sistema politico di diritti e doveri [ 39 ] . Allo stesso modo, si troveranno coppie di parole di diversi gruppi linguistici, come luna e lunare , dente e dentista , arma e armamento , forza e forza.

Origine delle parole

Nel 1973, Thomas Finkenstaedt e Dieter Wolff, sulla base delle 80.000 parole dello Shorter Oxford Dictionary ( 3a  edizione), stabilirono in Ordered Profusion la seguente ripartizione [ 40 ] :

Queste stime dovrebbero essere prese con grande cautela poiché molte parole sono entrate in inglese tramite un'altra lingua (es. parole latine tramite franco-normanno). Questi problemi di definizione portano a valutazioni diverse. Così la linguista francese Henriette Walter afferma da parte sua che più di due terzi delle parole inglesi sono di origine francese, mentre i prestiti dal francese all'inglese superano appena il 4% [ 41 ]. L'abbondanza di termini, anche comuni, dal francese spiega perché buona parte del vocabolario è più accessibile ai francofoni che ai parlanti di lingue germaniche come l'olandese, il tedesco o le lingue scandinave. Ci sono parole tratte dal francese antico ( Enjoy , Challenge , Bacon ), ma anche dal francese moderno o addirittura contemporaneo ( facciata , ristorante , bis ). Alcune parole sono state addirittura prese in prestito e poi ri-prese in prestito: “challenge” è una parola francese di origine inglese ( una sfida ), a sua volta derivata dal francese antico chalenge [ 42 ]  ; Baconinoltre, fuori uso del francese nel XVI  secolo e tornato “affumicato” da oltre Manica alla fine del XIX  secolo [ 43 ] , ecc. Secondo Melvyn Bragg, autore di The Adventure of English , l'inglese che prima dell'invasione normanna del 1066 aveva da 25.000 a 30.000 parole si arricchì nei due o tre secoli successivi di circa 10.000-12.000 parole di origine francese [ 44 ] .

Si noti quindi un numero considerevole di prestiti dal francese che hanno mantenuto la loro ortografia originale ( giustizia , miracolo , data , silenzio , macchina , rimpianto , sorpresa , impero , coda , tavola , intelligente , centro , forza , scienza , natura , ritratto , cultura , punto , reale , immagine , attenzione , leone, double , muscolo , messaggio , divertimento , segreto , prato , diario , santo , pagina , carattere ...) [ 45 ] ma si pronunciano diversamente ; anche un gran numero di parole dal francese antico che sono rimaste invariate in inglese, come chief [ 46 ] (divenne chef nel francese moderno), isle [ 47 ] (divenne isola ) o anche forest [48 ] (divenne foresta ), ospedale [ 49 ] (divenne ospedale ), così come ricerca [ 50 ] , conquista , richiesta , tempesta [ 51 ] , arresto [ 52 ] che hanno perso la "s" nel francese moderno, "sostituito "da un accento circonflesso  ; ma anche popolo , da una delle varianti dell'antico francese (e normanno) [ 53 ] della parola popolo [ 54 ].

Si può citare anche la presenza nella lingua inglese di termini originari del francese ma da essa però scomparsi man mano che si è evoluto, come la parola fama [ 55 ] che significa "celebrità", che nel francese moderno non esiste più, pur restando presente in l'aggettivo famoso , il cui significato si è gradualmente evoluto, o come quiet [ 56 ] , che scomparve dal francese moderno, pur persistendovi attraverso il sostantivo quietude , il suo opposto preoccupato e il derivato sostantivo preoccupazione . Infine, si noti che molti verbi inglesi derivano (o derivano dal) francese, come cambiare ,addebitare , impiegare , dichiarare , inviare , mantenere , pretendere , immaginare [ 57 ] , ecc . E le parole descritte come inglesi sono talvolta solo termini derivati ​​dal francese che vi ritornano, come la parola sport , infatti proveniente dall'antico francese desport [ 58 ] o addirittura suspense , dall'anglo-francese suspense [ 59 ] (come en suspense ), a sua volta dall'antico francese sospenseche significa "rinvio", "aggiornamento", "sospensione".

Il francese contiene parole di origine germanica (francese). Nel caso di Norman si aggiungono termini di origine scandinava. Così, paradossalmente, molte parole inglesi derivate dal normanno o dal francese sono di origine germanica, sebbene abbiano un aspetto latino (vedi elenco dei latini inglesi di origine germanica  (en) ).

Il contributo dell'antico norreno , in seguito alle incursioni e agli insediamenti vichinghi avvenuti dalla fine dell'VIII  secolo alla fine del X secolo  , è numericamente piuttosto limitato ma ha dato all'inglese moderno alcune delle sue parole più forti correnti: gonna , cielo , skin , both , same , get , again , cake , knife , etc [ 60 ] e ha influenzato la fonetica, ad esempio: give invece di ġi(e)f-an(ġ=y), sorella invece di Old English Sweoster [ 61 ] .

I prestiti dalle lingue celtiche sono estremamente pochi: David Crystal stima che non superino le due dozzine, il che è curioso se è vero che queste lingue dominavano le isole britanniche prima dell'arrivo dei Sassoni. Nell'inglese moderno sopravvivono poche parole, come crag (roccia) o a bizzeffe (in abbondanza), a volte nei dialetti regionali e soprattutto nei toponimi ( Londra , Tamigi , Kent ). Troviamo radici celtiche come bre e pen (collina), coombe o combe (valle), tor (roccia) (inTorquay ), don (fiume) (a Doncaster ), ecc. [ 62 ] .

Sebbene l'inglese abbia assorbito molte parole di origine straniera, il nucleo del lessico rimane anglosassone: le prime 100 parole del Corpus of American English della Brown University , raccolte negli anni '60, sono anglosassoni . Le parole più comuni nella lingua inglese (parole grammaticali come in , the , be , o parole lessicali come padre , amore , nome , ecc.) sono parole di origine anglosassone [ 63 ] .

Note e riferimenti

Giudizi

  1. ^ Il francese anglo-normanno è la forma insulare di Norman .
  2. ^ The World Language , The Economist , ; “  David Crystal, un esperto britannico, stima che circa 350 milioni di persone parlino l'inglese come prima lingua. Forse 250-350 milioni lo fanno o possono usarlo come seconda lingua: nei paesi ex coloniali o in quelli a maggioranza inglese, come 30 milioni di immigrati recenti negli Stati Uniti. E altrove? Questa è un'ipotesi audace: 100 milioni-1 miliardo è di Mr Crystal, a seconda di come si definisce "può". Siamo audaci: in tutto, il 20-25% dei 6 miliardi di persone sulla terra sa usare l'inglese; non gli inglesi d'Inghilterra, per non parlare del dottor Johnson, ma gli inglesi. Quel numero sta crescendo vertiginosamente man mano che ogni anno porta nuovi alunni a scuola e porta via vecchietti monolingui – e ora mentre Internet si diffonde  ” (“David Crystal, uno specialista britannico, stima che circa 350 milioni dile persone parlano inglese come prima lingua. Forse 250-350 milioni la usano o sanno usarla come seconda lingua: nelle ex colonie o nei paesi a prevalenza anglosassone, come per i 30 milioni di immigrati recenti negli Stati Uniti. E altrove? Questa è una stima avventata: "  da 100 milioni a un miliardo", dice il signor Crystal, a seconda di cosa intendi per "sapere". Siamo avventati: in tutto il 20-25% dei 6 miliardi di abitanti della Terra sa usare l'inglese, non l'inglese d'Inghilterra, ancor meno quello del dott. Johnson, ma inglese. Questo numero cresce ogni anno quando nuovi studenti entrano nelle scuole e la vecchia generazione di monolingui se ne va – e ora con la diffusione di Internet”.)
  3. ^ Questo imperialismo linguistico ha i suoi apologeti, come David Rothkopf, amministratore delegato della società di consulenza Kissinger Associates, che scrisse nel 1997 in Praise of Cultural Imperialism : "C'è un interesse economico e politico degli Stati Uniti per garantire che, se il mondo adotta una lingua comune, sarà l'inglese; che, se si muove verso standard comuni in termini di telecomunicazioni, sicurezza e qualità, questi standard sono americani; che, se le sue diverse parti sono legate da televisione, radio e musica, i programmi sono americani; e che, se si sviluppano valori comuni, sono valori in cui gli americani si riconoscono”.
  4. Secondo l'ONG ambientalista WWF , se tutti avessero lo stesso stile di vita di un americano medio, la popolazione mondiale avrebbe bisogno di cinque pianeti per vivere (vedi Qual è l'impronta ecologica? sul sito web del WWF), opinione diffusa dal governo francese , vedi il paragrafo “Un primo gesto per il pianeta: consumare meno! » . Fare riferimento all'articolo sull'impronta ecologica per maggiori dettagli
  5. Queste percentuali ammontano solo al 95,17%.

Riferimenti

  1. ^ Inglese, Ethnologue (23a edizione, 2020
  2. " Quali sono le prime 200 lingue più parlate? "  [ " Quali sono le 200 lingue più parlate al mondo?" »], su Ethnologue.com (consultato su) .
  3. Hervé Lavenir de Buffon è segretario generale del "Comitato internazionale per la lingua francese, europea"  " , su www.canalacademie.com (consultato su)
  4. La lingua francese: risorsa o ostacolo, di Charles X. Durand  " , su books.google.com (consultato su)
  5. ^ Henriette Walter, https://livre.fnac.com/a1170661/Henriette-Walter-Honni-soit-qui-mal-y-pense-l-incroyable-histoire-d-amour-entre-le-francais-et- l-anglais#int=:NonApplicable%7CNonApplicable%7CNonApplicable%7C1170661%7CNonApplicable%7CL1 , Robert Laffont,, 364  pag. , Riassunto
  6. ( Cristallo ).
  7. ^ David Graddol, inglese Avanti: Perché l'inglese globale può significare la fine di 'Inglese come lingua straniera' (PDF), 2006, The British Council.
  8. Le lingue più utilizzate su Internet .
  9. ^ British Accents and Dialects  " , presso la British Library (visitato) .
  10. ^ Voci regionali: un'introduzione alla variazione linguistica nel Regno Unito  " , in The British Library (accesso)
  11. ^ Thomas Finkenstaedt, Dieter Wolff Studies in Dictionaries and the English Lexicon C. Edizioni invernali anno 1973 ( ISBN  3-533-02253-6 ) .
  12. ^ Joseph M. Williams Origini della lingua inglese. Una storia sociale e linguistica anno 1986 ( ISBN  0029344700 )
  13. ^ Maurice Pergnier, Gli anglicismi. Pericolo o arricchimento per la lingua francese? , University Press of France, 1989.
  14. Il rapporto di François Grin sull'insegnamento delle lingue straniere come ordine pubblico  " [PDF] , nel sito della documentazione francese , (consultato il) .
  15. ^ Ibid., p.  61 .
  16. ^ L'inglese in declino come prima lingua, dice lo studio .
  17. ^ Richard Marcoux, Agorà: La Francofonia di domani  " , Le Devoir ,.
  18. Panoramica di alcune aree linguistiche del mondo , Osservatorio Demografico e Statistico dell'Area Francofona, p.  5 e seguenti.
  19. ^ Claude Truchot, L' Europa, la sfida linguistica , p.  129 .
  20. Conferenza dei Rettori delle Università svizzere .
  21. Cfr. Claude Piron, Le lingue: una sfida - cap. 6 Lingue… costa .
  22. Claude Piron, “E tu, cosa ne pensi delle lingue in Europa? chiede Leonard Orban, membro della Commissione europea responsabile del multilinguismo , sul sito di Claude Piron.
  23. Discorso riportato dal settimanale francese Marianne du.
  24. ^ Henri Masson, Imitato, ma mai eguagliato .
  25. Thomas Stephens (traduzione inglese: Bernard Léchot), La diversità culturale impone la sua legge , swissinfo.ch ,.
  26. Vedi i lavori del professore britannico Robert Phillipson , in particolare il suo libro Linguistic imperialism , 1992, Oxford University Press.
  27. Éric Denécé e Claude Revel, L'altra guerra degli Stati Uniti, economia: i segreti di una macchina di conquista , pagine 159-172.
  28. ^ Mary Norris, La maledizione della dieresi , The New Yorker , 26 aprile 2012.
  29. ^ Per i riformatori del XVI e XVII secolo, vedere in particolare  EJ Dobson, English Pronunciation 1500-1700 , 2 ed., 2 vols., Oxford, Clarendon Press, 1968, e Fausto Cercignani , Shakespeare's Works and Elizabethan Pronunciation , Oxford, Clarendon Press, 1981.
  30. ^ "  L' alfabeto fonetico di Benjamin Franklin "  .
  31. ^ Jean-Pierre Clero .
  32. ^ Cléro e Laugier , inglese, p.  87-99
  33. ^ Cléro e Laugier , La varietà dei modi d'azione, p.  87-88.
  34. ^ Cléro e Laugier , La varietà dei modi d'azione, p.  89.
  35. ^ Cléro e Laugier , Fare, fare, avere, p.  89.
  36. ^ Cléro e Laugier , Dall'operatore ing , p.  90-92.
  37. ^ ( Cristallo , p.  119).
  38. aeb ( Crystal , p. 46  ) .
  39. ^ Geoffrey Nunberg , New York Times ,.
  40. ↑ Sito Web AskOxford.com , consultato.
  41. ^ Alexie Loca (Leggi), Domande a... Henriette Walter , lexpress.fr , 1 marzo 2003.
  42. ^ TF Hoad, Etimologia inglese , Oxford University Press, 1986.
  43. ^ Albert Dauzat , Jean Dubois , Henri Mitterand, Nuovo dizionario etimologico e storico , Librairie Larousse, 1971, p.  65 .
  44. Documentario "I Normanni, una dinastia di conquistatori" , prima parte, in onda sul canale France 5.
  45. Immettere la parola desiderata nella barra di ricerca .
  46. capo | Cerca nel dizionario di etimologia in linea  ” , su www.etymonline.com (accesso)
  47. " isola  | Etimologia, origine e significato di isola di etymonline  ” , su www.etymonline.com (accessibile su)
  48. " foresta  | Etimologia, origine e significato di foresta per etymonline  ” , su www.etymonline.com (accessibile su)
  49. " ospedale  | Etimologia, origine e significato di ospedale per etymonline  ” , su www.etymonline.com (accessibile su)
  50. " ricerca  | Etimologia, origine e significato di quest by etymonline  ” , su www.etymonline.com (accessibile su)
  51. " tempesta  | Etimologia, origine e significato di tempesta di etymonline  ” , su www.etymonline.com (accessibile su)
  52. «  arresto | Cerca nel dizionario di etimologia in linea  ” , su www.etymonline.com (accesso su)
  53. " PERSONE  | Significato e definizione per l'inglese britannico | Lexico.com  ” , sui dizionari lessicali | inglese (consultato su)
  54. persone | Cerca nel dizionario di etimologia in linea  ” , su www.etymonline.com (accesso su)
  55. fama | Cerca nel dizionario di etimologia in linea  ” , su www.etymonline.com (accesso)
  56. tranquillo | Cerca nel dizionario di etimologia in linea  ” , su www.etymonline.com (accesso)
  57. Inserisci il nome del verbo nella barra di ricerca .
  58. «  sport | Cerca nel dizionario di etimologia in linea  ” , su www.etymonline.com (accesso)
  59. «  thriller | Cerca nel dizionario di etimologia in linea  ” , su www.etymonline.com (accesso)
  60. ^ ( Cristallo , p.  25).
  61. ^ TF Hoad, op. cit. .
  62. ^ ( Cristallo , p.  8).
  63. ^ ( Cristallo , p.  124).

Vedi pure

Su altri progetti Wikimedia:

C'è una categoria dedicata a questo argomento: Lingua inglese .

Bibliografia

Generale

  • (in) David Crystal , The Cambridge Encyclopedia of the English Language , Cambridge, Cambridge University Press,, 2a ed  . , 499  pag. ( ISBN  978-0-521-82348-7 )
  • (it) David Crystal , English as a Global Language , Cambridge, Cambridge University Press,, 2a ed  . , XV-212  pag. ( ISBN  978-0-521-53032-3 )
  • (it) Geoffrey Leech e Jan Svartvik , English: One Tongue, Many Voices , Basingstoke, Palgrave MacMillan,, XVI-287  pag. ( ISBN  978-1-4039-1829-1 )
  • Henriette Walter , L'avventura delle lingue in Occidente: la loro origine, la loro storia, la loro geografia , Parigi, Laffont,, 498  pag. ( ISBN  978-2-221-05918-0 )
  • Henriette Walter , Vergogna a chi la pensa male: L'incredibile storia d'amore tra francesi e inglesi , Parigi, Laffont,, 364  pag. ( ISBN  978-2-221-08165-5 )
  • Barbara Cassin ( dir. ), Jean-Pierre Cléro e Sandra Laugier , Vocabolario europeo delle filosofie: Dizionario dell'intraducibile , Parigi, Seuil,, 1531  pag. ( ISBN  978-2-02-030730-7 ) , inglese - pagine 87-100

Dizionario

Grammatica

  • (it) Douglas Biber , Stig Johansson , Geoffrey Leech , Susan Conrad e Edward Finegan , Longman Grammar of Spoken and Written English , Harlow, Pearson education,, XXVIII-1204  pag. ( ISBN  978-0-582-23725-4 )
  • (it) Rodney Huddleston e Geoffrey K. Pullum , The Cambridge Grammar of the English Language , Cambridge, Cambridge University Press,, XVII-1842  pag. ( ISBN  978-0-521-43146-0 )
  • (in) Randolph Quirk , Sidney Greenbaum , Geoffrey Leech e Jan Svartvik , A Comprehensive Grammar of the English Language , Londra, Longman,( ristampa  13), X-1779  p. ( ISBN  978-0-582-51734-9 )

Storia

  • Fernand Mossé , Schizzo di una storia della lingua inglese , Lione, IAC,, XIV-268  pag.
  • Donald A. Ringe , Una storia dell'inglese, vol. 1: Dal proto-indoeuropeo al proto-germanico , Oxford University Press, 2006.
  • Donald A. Ringe, Una storia linguistica dell'inglese, vol. 2: Lo sviluppo dell'inglese antico , Oxford University Press, 2014.

Fonetica e fonologia

  • (in) Fausto Cercignani , Le opere di Shakespeare e la pronuncia elisabettiana , Oxford, Clarendon Press,, 432  pag.
  • (it) EJ Dobson , Pronuncia inglese 1500-1700 , Oxford, Clarendon Press,, 2a ed  .
  • (it) Peter Roach , English Phonetics and Phonology: A Practical Course , Cambridge, Cambridge University Press,, 4a ed  . , 244  pag. ( ISBN  978-0-521-71740-3 )

Traduzione

  • Hélène Chuquet e Michel Paillard , Approccio linguistico ai problemi di traduzione: inglese-francese , Gap, Ophrys,, 414  pag.
  • Jean-Paul Vinay e Jean Darbelnet , Stilistica comparata di francese e inglese , Parigi, Didier,, 331  pag.

Articoli Correlati

link esterno

Aspetti culturali, sociologici e linguistici