ARTICLE

Un articolo da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Durante la seconda metà del 20°  secolo, l'umanità ha raggiunto la padronanza tecnologica necessaria per lasciare per la prima volta l'atmosfera terrestre e partire alla conquista dello spazio .

La tecnologia è lo studio di strumenti e tecniche . Il termine si riferisce a osservazioni sullo stato dell'arte in vari periodi storici, in termini di strumenti e know-how . Comprende arti , mestieri , mestieri , scienze applicate e possibilmente conoscenza .

Per estensione e abusivamente, la parola designa i sistemi o le modalità di organizzazione che consentono le varie tecnologie, nonché tutti i campi di studio ei prodotti che ne derivano.

Etimologia

La parola tecnologia deriva dal greco technología ( τεχνολογία ) téchnē (τέχνη), "arte", "abilità", o "artigianato" e -logía (-λογία), lo studio di un ramo del sapere, di una disciplina [ 1 ] . Le Petit Robert indica che la parola è mutuata nel 1656 dal tardo greco tekhnologia "trattato o dissertazione su un'arte, esposizione delle regole di un'arte", da tekhnê et logos . La nozione fu poi utilizzata nel 1772 da un fisico tedesco Johann Beckmann. Il termine si applica in generale oa settori specifici, ad esempio: "tecnologia delle costruzioni", "tecnologia medica".

Il concetto di tecnologia secondo Jacob Bigelow

Apparentemente si tratta di un professore di Harvard , Jacob Bigelow , che per la prima volta ha sistematizzato l'uso della parola tecnologia in inglese nella sua opera Elements of technology' (1829) [ 2 ] . Botanico e professore di Harvard Rumford di "L'applicazione della scienza alle arti utili "). Chiedendo una vera e propria "fusione" tra le arti e la scienza, confuta i saperi fondamentali che non si articolano con una pratica concreta e allo stesso tempo le tecniche (le arti nelle parole del tempo) che fanno parte di una tradizione senza ricorso sistematico alla conoscenza scientifica. Chiedendo una maggiore settorializzazione delle conoscenze scientifiche e una distribuzione scientifica dei compiti nel campo del lavoro, fornirà alla società capitalista americana in rapida espansione un vero modello di istruzione. È anche su indicazione del professore di Harvard che il MIT ( Massachusetts Institute of Technology ) prenderà in prestito il suo nome [rif. obbligatorio] , in luogo della “  Scuola di Scienze Industriali come previsto nel progetto del fondatore, ma anche numerosi orientamenti formativi che ne faranno uno dei centri di ricerca "tecnologici" più efficienti al mondo (nel campo della comunicazione , dell'informatica e oggi della robotica e dell'intelligenza artificiale ).

La parola "  tecnologia  " non designava per Bigelow semplicemente le "arti utili" ma suggeriva di fatto la convergenza da ripristinare agli albori della rivoluzione industriale tra le arti ( tekhnê ) e la scienza ( logos ): convergenza poi compromessa dalla nascente ansia di un'impossibile articolazione del sapere scientifico che si frammenta con la sua diversificazione, e delle arti necessariamente racchiuse in una tradizione (quella che i membri dell'American Arts and Sciences Committee chiamavano “una routine empirica”). Così i primi usi del termine nel senso dato da Bigelow precedettero gli sconvolgimenti tecnici del XIX secolo. secolo, e che l'uso del termine si diffuse durante la rivoluzione industriale .

Bigelow è largamente in linea con il "  millenarismo tecnologico " che anima con fervore l'entusiasmo scientifico e tecnico delle nazioni occidentali (per lo storico David Noble , bisogna risalire al monaco benedettino Erigena , promotore di salvezza grazie alla "  meccanica delle arti  ") [ 3 ] . Millennialismo laico che rimanda più o meno all'idea di un paradiso terrestre che oggi si incarna nel progresso tecnico (idea la cui diffusione è largamente debitrice alle filosofie progressiste della storia europea emerse nell'età dell'Illuminismo ). L'del progresso tecnico fu senza dubbio Francis Bacon  : il cancelliere d'Inghilterra che diede inizio alla filosofia sperimentale , una filosofia induttiva che segna una rottura fondamentale con gli approcci scolastici medievali alla scienza (per il quale la natura è appresa attraverso il prisma dei dogmi della Chiesa: l'"apriorista " metodo). Bacon era un fervente millenarista profondamente imbevuto di razionalità puritana (rimarrà anglicano: functions oblige...).

Critica della parola

Già autore di due voluminosi saggi sulla tecnologia , La Technique ou l'Enjeu du siècle (1954) e Le Système technique (1977), Jacques Ellul ha pubblicato un'altra opera nel 1988, intitolata Le Bluff Technologique . Denuncia “l'uso abusivo” della parola, che “imita pedissequamente l'uso americano che è infondato. La parola "tecnologia", qualunque sia l'uso moderno dei media, significa "discorso sulla tecnica". Fare uno studio su una tecnica, fare una filosofia della tecnica o una sociologia della tecnica, dare una formazione tecnica... questa è tecnologia! » [ 4 ] (Le Robert dice efficacemente tecnologia: “studio delle tecniche” [ 5 ] ).

È sulla base di questa argomentazione che nel 2012 in Francia un'associazione di ispirazione elluiana si è data il nome di “  Technologos  ” e il motto “pensare la tecnologia oggi”.

Storia

Paleolitico

I primi rappresentanti del genere Homo sono il risultato di un'evoluzione da ominidi già bipedi [ 6 ] , con una massa cerebrale di circa un terzo di quella dell'uomo moderno [ 7 ] . Gli strumenti si sono evoluti relativamente poco durante la maggior parte della storia umana. Tuttavia, circa 50.000 anni fa è emerso un insieme complesso di comportamenti e usi degli strumenti. Alcuni archeologi vedono un legame con l'emergere del linguaggio strutturato [ 8 ] .

Gli antenati dell'uomo moderno usarono strumenti di pietra molto prima dell'emergere dell'Homo sapiens 200.000 anni fa [ 9 ] . I più antichi strumenti di pietra conosciuti, raggruppati come Pre-Oldwayan o Oldowayan , risalgono a 2,3 milioni di anni fa [ 10 ] . Tracce interpretate dai loro inventori come tracce dell'uso di strumenti sono state osservate su ossa scoperte in Etiopia nella Great Rift Valley . Risalgono a 2,5 milioni di anni fa [ 11 ] o addirittura a 3,4 milioni di anni [ 12 ]] , [ 13 ] Questi primi usi della pietra segnano l'inizio delPaleolitico, terminato con lo sviluppodell'agricolturacirca 12.000 anni fa.

Per realizzare i più semplici utensili in pietra, un blocco di roccia dura con particolari proprietà meccaniche, come la selce , doveva essere battuto con una pietra da martello anch'essa di pietra in modo da staccarne una scheggia . Questa azione produce uno spigolo vivo sia sul blocco tagliato che sul frammento che è stato staccato da esso, entrambi possono essere usati come strumenti. Le forme più semplici sono il ciottolo tagliato e il coccio, che può essere trasformato in un raschietto . Con questi strumenti, i primi umani, cacciatori-raccoglitori, sono stati in grado di svolgere vari compiti, tra cui il taglio della carne, la rottura di ossa per accedere al midollo osseo, il taglio del legno, la spaccatura di noci, la scuoiatura di carcasse di animali per recuperare la pelle e, in seguito, la fabbricazione di altri strumenti con materiali più morbidi come osso e legno [ 14 ] . I primi strumenti in pietra sono tecnicamente relativamente poco sofisticati ma comportano la padronanza di un gran numero di parametri (scelta della materia prima, scelta del percussore, intensità del colpo, angolo di percussione, ecc.) al di fuori della portata di qualsiasi specie animale. eccezione dell'uomo [ 15 ] . All'Acheuleano _, 1,65 milioni di anni fa, sono comparsi nuovi metodi di taglio della pietra ( shaping ), che hanno portato alla produzione di strumenti più complessi come il biface o la mannaia . 300.000 anni fa, il Paleolitico medio era caratterizzato dalla generalizzazione del debitage di Levallois, consentendo la produzione di serie di scaglie di forma predeterminata a spese del nucleo stesso . Nel Paleolitico superiore , circa 35.000 anni fa, si diffuse il cedimento delle lame che permise la produzione di nuovi utensili ( scalpelli , raschietti , ecc.). La tecnica del ritocco a pressione (attestata dalla media età della pietrain Sud Africa [ 16 ] ) viene utilizzato per ritoccare alcuni punti di proiettili come foglie di alloro o punte con spallamento [ 17 ] .

La scoperta e lo sfruttamento del fuoco è una vera svolta nell'evoluzione tecnologica del genere umano [ 18 ] . La data esatta della sua scoperta è sconosciuta. La presenza di ossa di animali bruciate nella regione della culla dell'umanità , una cinquantina di chilometri a ovest di Johannesburg , suggerisce che l'addomesticamento del fuoco sia avvenuto prima di 1 milione di anni prima del presente [ 19 ] . La comunità scientifica è quasi unanime nel ritenere che l' Homo erectus abbia controllato l'incendio tra i 500.000 e i 400.000 prima del presente [ 20 ] , [ 21 ]] . Il fuoco, alimentato alegna, ma anche acarbone, permise ai primi uomini di cuocere i propri cibi e di migliorarne la digeribilità, la conservazione e il valore nutritivo diversificando la varietà delle possibili preparazioni [ 22 ] .

Ago d'osso della Maddalena , Museo di Tolosa .

Altri progressi tecnologici furono fatti durante il Paleolitico, quando apparvero abiti e abitazioni. L'adozione di queste due pratiche rispettivamente non può essere datata con esattezza, ma entrambe hanno una posizione chiave nella storia del progresso umano. L'abbigliamento, adattato dalla pelliccia e dalla pelle degli animali cacciati, ha aiutato gli esseri umani a evolversi in modo più indifferente nelle regioni più fredde [ 23 ] .

Dal Neolitico all'Antichità Classica

Biface di Saint-Acheul ottenuto per sagomatura , collezione Félix Régnault , Museo di Tolosa .

L'ascesa tecnologica dell'uomo accelerò durante il periodo neolitico ("Nuova età della pietra"). L'invenzione dell'ascia di pietra levigata è stato un enorme passo avanti in quanto ha consentito lo sgombero su larga scala delle foreste aprendo la strada alla futura creazione di fattorie. La scoperta dell'agricoltura ha permesso di sfamare una popolazione più numerosa, ma anche il passaggio a uno stile di vita sedentario che ha aumentato il numero di bambini che potevano essere allevati contemporaneamente, poiché i bambini piccoli non avevano più bisogno di essere trasportati come avveniva con un stile di vita nomade. Inoltre,[ 24 ] , [ 25 ] .

L'aumento della popolazione e della forza lavoro disponibile hanno autorizzato un aumento della specializzazione dei compiti [ 26 ] . D'altra parte, resta da chiarire perché e come i villaggi neolitici si siano evoluti nelle prime città, come Uruk , e nelle prime grandi civiltà come Sumer . Si ritiene, tuttavia, che l'emergere di strutture sociali sempre più gerarchiche, la specializzazione dei compiti, il commercio e la guerra tra culture adiacenti e la necessità di un'azione collettiva per superare le sfide ambientali, come la costruzione di argini e bacini idrici , abbiano tutti giocato un ruolo in questa evoluzione [27 ] .

Una progressione continua e che porterà in seguito, ad esempio, alla fornace , e alla sua ventilazione, data la capacità di fondere , e di forgiare , inizialmente i metalli più accessibili (quelli che sono presenti in natura in forma relativamente pura) [ 28 ] . I primi metalli lavorati in questo modo furono l' oro , il rame , l' argento e il piombo . Alcuni vantaggi degli strumenti in rame rispetto a quelli in pietra, osso o legno divennero evidenti rapidamente e gli strumenti in rame furono probabilmente usati per la prima volta intorno all'inizio del periodo neolitico (circa 8000 aC ) .[ 29 ] . Il rame non è presente in natura in grandi quantità, ma si trova abbastanza comunemente nel minerale di rame e si trasforma abbastanza facilmente quando viene bruciato utilizzando fuoco alimentato con legna e carbone. Alla fine, la lavorazione dei metalli avrebbe portato alla scoperta dileghecomebronzoeottone(intorno al 4000aC). I primi usi di leghe di ferro come l'acciaiorisalgono al 1400a.C. circa. J.-C.

Medioevo ed Età Moderna

Periodo contemporaneo

Divario di genere nell'educazione tecnologica

Nonostante i significativi miglioramenti degli ultimi decenni, l'istruzione tecnologica non è universalmente disponibile e le disuguaglianze di genere persistono, in particolare a causa del divario di genere nell'accesso, nella fiducia e nell'uso della tecnologia [ 30 ] . Nell'istruzione superiore, le donne costituiscono solo il 35% di tutti gli studenti iscritti a campi di studio relativi alle STEM . Le donne abbandonano le discipline STEM in modo sproporzionato durante l'istruzione superiore, nella transizione al mercato del lavoro e persino durante il ciclo di carriera [ 31 ] .

Gli studi hanno scoperto che nella scuola secondaria superiore, i ragazzi avevano obiettivi di carriera tecnologica più ambiziosi rispetto alle ragazze [ 32 ] . La ricerca condotta tra gli adolescenti nei paesi nordamericani ed europei ha rilevato che i ragazzi hanno in una certa misura più probabilità delle ragazze di apprezzare la matematica, le scienze fisiche, i computer e la tecnologia [ 33 ] . È stato anche riscontrato che le opportunità di interagire con la tecnologia hanno un effetto sull'interesse per la scienza sia per i ragazzi che per le ragazze [ 34 ] .

significato originario

Dipartimento di Ambiente e Agricoltura, Università di Tecnologia della Pomerania occidentale a Stettino , Polonia

Una delle maggiori differenze tra le scienze naturali e la tecnologia è che l'oggetto di studio della prima, la natura, è relativamente immutabile mentre l'oggetto della seconda, le tecniche , è in perenne espansione. Invenzione e perfezionamento sono infatti elementi esclusivi delle tecniche, poiché la natura, oggetto di studi nelle scienze naturali, non può, per definizione, essere modificata o inventata dall'uomo senza perdere il suo carattere intrinseco.

Significati derivati

Il miglioramento o l'invenzione delle tecniche non è strettamente parte dell'oggetto della tecnologia, ma della ricerca tecnica .

Alcune espressioni sono tuttavia apparse nell'uso, come ad esempio:

Fonti

Note e riferimenti

  1. ^ " Definizione di tecnologia" (versione Internet Archive datata 9 maggio 2007 ) , Merriam-Webster .
  2. ^ George Ellis, Memorie di Jacob Bigelow (Cambridge, Mass.: John Wilson &, Son, 1880).
  3. ^ David F. Noble, La religione della tecnologia. La divinità dell'uomo e lo spirito di invenzione , New York: Penguin Book, 1999.
  4. ^ Jacques Ellul, Il bluff tecnologico . 1988, p.25.
  5. Tecnologia - Definizioni, sinonimi, coniugazione, esempi / Dizionario online Le Robert  " , su lerobert.com (consultato su) .
  6. " Madre dell'uomo – 3,2 milioni di anni fa  " BBC ( accesso) .
  7. " Evoluzione umana ,  History Channel (accesso) .
  8. ^ Wade, Nicholas, " Early  Voices: The Leap to Language  " , The New York Times , (consultato il) .
  9. ^ " Sala degli antenati umani: Homo sapiens , Smithsonian Institution  ( accesso il) .
  10. ^ " Scoperta un'antica fabbrica di utensili'  " , BBC News , (consultato il) .
  11. ^ Jean de Heinzelin , JD Clark , T White , W Hart , P Renne , G Woldegabriel , Y Beyene e E Vrba , Ambiente e comportamento degli ominidi Bouri di 2,5 milioni di anni  " , Scienza , vol.  284, n. 5414  ,, pag.  625–629 ( PMID  10213682 , DOI  10.1126/scienza.284.5414.625 ).
  12. ^ Mc Pherron et al., Nature, 466, 857, 2010. ( Riassunto in inglese) .
  13. ^ Hominidae.com (Gli australopitechi usavano strumenti?) .
  14. ^ Thomas Plummer , "  Pietre sfaldate e vecchie ossa: evoluzione biologica e culturale all'alba della tecnologia  ", Annuario di antropologia fisica , n . 47  ,.
  15. (it) Roche, H., Delagnes, A., Brugal, JP., Feibel, C., Kibunjia, M., Mourre, V. e Texier, PJ. (1999) - "Produzione di utensili in pietra dei primi ominidi e abilità tecnica 2,34 milioni di anni fa nel Turkana occidentale, in Kenya", Nature , vol. 399, pag.  57-60 .
  16. ^ (it) Mourre, V., Villa, P. e Henshilwood, CS (2010) - "Early use of pressure flaking on lithic artefacts at Blombos Cave, South Africa", Science , vol. 330, n.6004  , pag .  659-662 .
  17. ^ Haviland , William A., Antropologia culturale: la sfida umana , Australia, The Thomson Corporation,, 11a ed  . , 496  pag. ( ISBN  978-0-534-62487-3 , LCCN  2003116263 ) , pag.  77.
  18. (it) Thomas Crump , Una breve storia della scienza , London, Constable & Robinson ,, 425  pag. ( ISBN  978-1-84119-235-2 , LCCN  2002392402 ) , pag.  9.
  19. " Siti fossili di ominidi di Sterkfontein, Swartkrans, Kromdraai e dintorni  " UNESCO ( accesso su) .
  20. " Storia dell'uomo dell'età della pietra "  ,  Storia mondiale (accesso) .
  21. ^ Steven R. James , Uso degli ominidi del fuoco nel Pleistocene inferiore e medio  " , Antropologia attuale , vol .  30, n. 1  ,, pag.  1–26 ( DOI  10.1086/203705 , leggi online [a pagamento]).
  22. ^ Ann B. Stahl , Selezione dietetica degli ominidi prima del fuoco  " , Antropologia attuale , vol .  25, n. 2  ,, pag.  151–168 ( DOI  10.1086/203106 , leggi online [a pagamento]).
  23. ^ Richard Cordaux , " L'Asia meridionale, gli Andamanesi e le prove genetiche per una "precoce" dispersione umana fuori dall'Africa "   , American Journal of Human Genetics , vol.  72, n. 6  ,, pag.  1586 ( PMID  12817589 , PMCID  1180321 , DOI  10.1086/375407 , leggi online [PDF] ).
  24. ^ " Il primo baby boom: prove scheletriche mostrano un brusco aumento mondiale del tasso di natalità durante il periodo neolitico  " Science Daily, (consultato il) .
  25. ^ Sussman , Robert W., Trasporto di bambini, dimensioni della famiglia e aumento della popolazione umana durante il neolitico  " , Antropologia attuale , University of Chicago Press , vol.  13, n. 2  ,, pag.  258–267 ( DOI  10.1086/201274 , leggi online , consultato).
  26. ^ Ferraro, Gary P., Antropologia culturale : una prospettiva applicata , Belmont (Calif, The Thomson Corporation,, 7a ed  . ( ISBN  978-0-495-03039-3 , LCCN  2004115440 , leggi in linea ).
  27. ^ Patterson , Gordon M., The ESSENTIALS of Ancient History , Piscataway, Research & Education Association,, 113  pag. , tascabile ( ISBN  978-0-87891-704-4 , leggi in linea ).
  28. ^ Alan W Cramb , A Short History of Metals  " , Carnegie Mellon University ( accesso ) .
  29. ^ Hugh Chisholm , Enciclopedia Britannica ,, 708  pag. ( presentazione online ).
  30. Competenze per un mondo digitale  " , Documenti OCSE sull'economia digitale , ( ISSN  2071-6826 , DOI  10.1787/5jlwz83z3wnw-en , leggi online , accessibile)
  31. ^ UNESCO, Cracking the Code: Girls' and Women's Science, Technology, Engineering and Mathematics (STEM) Education , Parigi, UNESCO, ( ISBN  978-92-3-200139-9 , leggi in linea ) , Pagina 11
  32. ^ Vaino, T., Vaino, K., Rannikmae, M. e Holbrook, J., "  Fattori che spiegano gli orientamenti di carriera relativi alla tecnologia degli studenti di palestra  ", Journal of Baltic Science Education, vol. 14, n. 6 ,, p. 706-722
  33. ^ Vaino, T., Vaino, K., Rannikmae, M. e Holbrook, J., "  Fattori che spiegano gli orientamenti di carriera relativi alla tecnologia degli studenti di palestra  ", Journal of Baltic Science Education, vol. 14, n. 6 ,, p. 706-722
  34. ^ Swarat, S., Ortony, A. e Revelle, W., "  Activity matter: Understanding student interest in school science  ", Journal of Research in Science Teaching, vol. 49, n. 4 ,, p. 515-537 (DOI: 10.1002/tè.21010)

Vedi pure

Su altri progetti Wikimedia:

Bibliografia

Articoli interni

link esterno

Esiste una categoria dedicata a questo argomento: Tecnologia .